Torta di mele

marzo 28, 2017

La "torta di mele" affonda le sue origini nel lontano Medioevo.

Il melo è forse uno degli alberi più diffusi e antichi dei frutteti di Asia ed Europa, nelle sue innumerevoli varietà era già riuscito ad adattarsi ai diversi climi offrendo una gamma ampissima di frutti che differivano per sfumature di sapore colore e profumo  ( dalla specie progenitrice che dava un frutto verde a aspro a quella Paradiso dalla polpa rosa e dal profumo intensissimo - pensate che si annovera anche la Mela Appia dal nome di un noto agronomo della gens Claudia .

Questa opulente varietà  in Europa fu da una parte salvata durante il Medioevo dal lavoro di abili monaci, all'interno dei conventi, e dall'altra arricchita col sopraggiungere degli invasori arabi che, con la loro abilità di frutticoltori, introdussero altrettante varietà dall'Anatolia e dalla zona del Mar Caspio.

 Le tavole del medioevo avevano imparato proprio dagli arabi ad apprezzare il sapore agrodolce così, poichè  le specie dolci di gran lunga  preferite non erano certamente alla portata di tutti, presto il popolo imparò come sempre a far di difetto virtù cuocendo le varietà dal gusto più aspro che avevano da sempre dominato il panorama e che con la cottura diventavano apprezzabili.Fu il grande cuoco Taillevent , la cui esperienza veniva dalle cucine dei monasteri, considerate le migliori scuole in assoluto, a scrivere della  "Tarte aux pommes". 

Nelle proporzioni dei suoi ingredienti si può rilevare come lo zucchero, anch'esso non propriamente accessibile ai più, fosse presente in quantità ridotta.
Il potere dolcificante oltre che dai più comuni fichi secchi e dall'uvetta sultanina, era dato dalla onnipresente , nei ricettari medievali, cipolla appassita che rendeva morbido e dolce ogni impasto.


Ingredienti:

.350 g di farina 00
.200 g di zucchero semolato
.4 mele
.1 bicchiere di latte
.1 bicchiere di limoncello
.1 bustina di pane degli angeli
.3 uova
.zucchero a velo q.b.
.cannella



Procedimento:

Iniziamo nel riempire una ciotola grande con la farina setacciata,lo zucchero semolato e il lievito per dolci.
Aggiungere le uova intere,iniziare a mescolare con una frusta.

Aggiungere il latte e il limoncello e mescolare per bene fino ad ottenere un impasto liscio e cremoso dal colore dorato.

Arrivati a questo punto tagliate le vostre mele a spicchi,non troppo piccoli e uniteli al composto precedente.


Mescolare per un pò l'impasto con l'aggiunta delle mele e per un tocco in più di sapore aggiungere la cannella in polvere. (non troppa)

Munitevi di uno stampo a cerniera dal diametro di circa 22 max 26 cm e ricopritelo di carta forno.

Adagiateci l'impasto ottenuto e cuocerlo in forno a 180 gradi per 40 min.
Verificate la cottura con uno stecchino di legno.


Aggiungete in superficie,prima di infornare dei fiocchi di burro per ottenere una cottura migliore in modo da non avere bruciature in superficie.


Una volta sfornata la vostra torta fatela intiepidire prima di trasferirla in un vassoio capiente.



Una volta pronta la vostra torta ,spolveratela di zucchero a velo e servitela tiepida.

Ideale come colazione al mattino,come dessert a fine cena ,davanti al camino e non solo e ottima anche come spuntino pomeridiano.

La consiglio. Una ricetta molto pratica e veloce che ho trovato recentemente nel ricettario di famiglia.

Anche chi prima aveva trovato difficoltà nel farla, ora con pochi ingredienti e pochissimi passi può aspirare al dolce tanto ambito.



#Foodergoinkitchen

You Might Also Like

0 Comments

Post più letti